Per carità, lo stesso Taron Egerton, il finzionale Elton John, si dice “orgoglioso di venire associato a un fenomeno”, e di fronte ai 903 milioni di dollari incassati e ai quattro Oscar, tra cui miglior film, di Bohemian Rhapsody c’è da capirlo. Eppure, la differenza che passa tra il suo Rocketman, fuori concorso a Cannes […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“La mia è sostanza: sogno marito e figli e vado in chiesa”

prev
Articolo Successivo

Nell’America di Trump, Woody è condannato

next