“Io ho le mani in pasta, quindi votatemi”

Dario Vassallo - Il fratello di Angelo, il sindaco di Pollica ucciso nel 2010, e la parodia sulle promesse elettorali
“Io ho le mani in pasta, quindi votatemi”

Caro Babbo Natale, ti scrivo consapevole che non è Natale, ma qui in Italia è come se lo fosse, perché si vota, e quindi, le promesse sono d’obbligo. Tra pochi giorni ci saranno le elezioni europee e si vota in tanti Comuni per eleggere i nuovi sindaci e per eleggere le nuove amministrazioni. Sai meglio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.