“Arrivava sempre incazzato alle prove. Con il Raccordo intasato, il viaggio da Roma a Marino era sfibrante. Francesco si consolava al forno a legna con un pezzo di pizza bianca. Un giorno si presentò alla Stalla, il nostro studio, con un testo scritto sulla carta oleata. Era ‘Non mi rompete’”. Una delle meraviglie del Banco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Boicottaggi da salotto: ci rimettiamo soltanto noi”

prev
Articolo Successivo

I bei tempi degli spaghetti-western in salsa catalana. Altro che America

next