“La nostra Transiberiana tra pizza, prog e memoria”

“La nostra Transiberiana tra pizza, prog e memoria”

“Arrivava sempre incazzato alle prove. Con il Raccordo intasato, il viaggio da Roma a Marino era sfibrante. Francesco si consolava al forno a legna con un pezzo di pizza bianca. Un giorno si presentò alla Stalla, il nostro studio, con un testo scritto sulla carta oleata. Era ‘Non mi rompete’”. Una delle meraviglie del Banco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.