L’Asti-Cuneo è un’autostrada regionale che ha assunto una rilevanza nazionale, perché rappresenta il grimaldello con il quale il gruppo Gavio mira, da anni, a ottenere nuove proroghe. L’esito di questa vicenda rischia di affossare le residue speranze di chi vorrebbe porre termine alle rendite dei concessionari, man mano che scadranno le concessioni, per restituire le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Rating addio, le agenzie sono ormai inutili

prev
Articolo Successivo

Confindustria chiede i danni agli ex vertici del Sole 24 Ore

next