Erano poco più di una trentina, tutti giovanissimi, circondati da una folla di cinquemila persone. Qualche cartellone con scritto “Orgogliosi di essere terroni”, i cori, i “buuu”: tanto è bastato per fare innervosire Matteo Salvini, giunto all’ultima tappa della suo tour siciliano. “Qui ci sono anche i comunisti che erano a farsi le canne in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Verso le Comunali: l’ombra della destra sulle ex città rosse

prev
Articolo Successivo

“Il clan Di Silvio compra voti e punta sul cavallo vincente”

next