Tutti quelli che denunciano rigurgiti di fascismo e pulsioni autoritarie, dovrebbero leggere La dottrina. Ma ancor di più dovrebbero farlo quelli che quei rigurgiti e quelle pulsioni le negano, che accettano slittamenti semantici (migranti-clandestini-ragazzi palestrati) come innocue trovate linguistiche. Questo volume di Alessandro Bilotta e Carmine Di Giandomenico (uno dei migliori sceneggiatori italiani e uno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ginevra: l’anno in cui scomparve la bella Summer, durante un picnic sul lago

prev
Articolo Successivo

Lisa, i misteri di Ale e quanto manca alla fine del mondo

next