C’era un piano, studiato in ogni particolare, per indebolire l’inchiesta della Procura di Milano sul caso della presunta corruzione internazionale da 1,2 miliardi per il giacimento nigeriano Opl245 e spingere alle dimissioni Luca Zingales e Karina Litvack dal consiglio d’amministrazione Eni. Il piano aveva un nome in codice: “Odessa”, come l’operazione che permise la fuga […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Proroga Radio Radicale: Di Nicola (M5S) contro Crimi

prev
Articolo Successivo

JuicePlus, multa dell’Antitrust da 1 milione

next