La Tate di Londra si è accorta che i visitatori guardano le opere esposte per non più di 8 secondi e perciò, nel giubilo degli ambienti intellettuali rispettabili, ha approntato una guida allo slow looking, sguardo lento, sul filone molto sofisticato dello slow food. Chiediamo subito: la fruizione distratta è una colpa del visitatore? In parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Libia “autocertifica” di essere “porto sicuro”

prev
Articolo Successivo

Oro verde: anche gli indios muoiono per avidità

next