Il passaggio del presidente cinese Xi Jinping a Roma ha prosciugato il fiume Tevere e azzerato le distanze in geopolitica tra una sponda e l’altra, tra la Chiesa e l’Italia: il Vaticano di papa Francesco e il governo di Giuseppe Conte investono sul rapporto con Pechino. Ragioni diverse, strategie simili. E lo testimonia la presenza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La bugia sul ritorno dell’Italia bipolare

prev
Articolo Successivo

Calenda lo attacca, “Steve” fa il profeta

next