Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

La delegazione presidenziale impone un protocollo alla pechinese: giornalisti fuori
Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

Il corteo di blindati è senz’altro lungo. I controlli senz’altro rigidi. L’amicizia senz’altro solida. E la curiosità, poi, che ingenuità, è spasmodica. L’Italia accoglie il presidente cinese Xi Jinping, da ieri sera sul suolo patrio di Roma, con solenni ossequi, pronunciata deferenza e la solita ospitalità scambiata per sudditanza. E pazienza per la stampa italiana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.