Il corteo di blindati è senz’altro lungo. I controlli senz’altro rigidi. L’amicizia senz’altro solida. E la curiosità, poi, che ingenuità, è spasmodica. L’Italia accoglie il presidente cinese Xi Jinping, da ieri sera sul suolo patrio di Roma, con solenni ossequi, pronunciata deferenza e la solita ospitalità scambiata per sudditanza. E pazienza per la stampa italiana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Toninelli salvo dalla sfiducia, non dagli sfottò

prev
Articolo Successivo

I negoziati concreti dietro le battaglie ideologiche

next