Il caso della grande pala d’altare di Caravaggio a Napoli continua a dare soddisfazioni. Dopo che il ministero per i Beni culturali ha provvidenzialmente bloccato il trasloco promozionale dell’opera, si anima il dibattito e si scoprono i retroscena. Se il primo è, per la verità, privo di grandi sorprese (sui giornali dei palazzinari si stracciano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Musica, Radio Rai già si mobilita per rispettare la “quota tricolore”

prev
Articolo Successivo

Tra nomine e ricorsi al Tar

next