Oggi il M5S tenta il suicidio. E i suoi 100 mila e più iscritti hanno l’onore e l’onere di salvarlo da morte certa, votando No all’impunità per il ministro Salvini sul caso Diciotti. Per almeno 6 buoni motivi. 1. La furbata del quesito alla rovescia – per dire sì al processo bisogna votare No e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caso Diciotti, il voto dei sindaci M5s su Salvini. Appendino, Nogarin e Raggi: “Chi governa va processato”

prev
Articolo Successivo

Lo sberleffo di Grillo: “Se voti Sì vuol dire No…” Ma i vertici minacciano: “Il governo è a rischio”

next