Per anni il compito di spiegare cosa è stata la Shoah è gravato sulle spalle di quei sopravvissuti che hanno scelto di continuare a rivivere il trauma del loro internamento nei campi (e della loro sopravvivenza). Testimoni spesso mal sopportati, ascoltati più per il rispetto che si deve agli anziani, a chi arriva da un’altra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“In tivù c’è ancora troppa ipocrisia: il politicamente corretto è insopportabile”

prev
Articolo Successivo

Dal ghetto di Varsavia alla bestia di Praga

next