Per ricostituire la cupola mafiosa si rifacevano alle vecchie regole “custodite a Corleone”, prevedevano “sei, sette o otto” summit l’anno organizzati da ciascun mandamento e si erano riuniti in una “vecchia casa con mobili vecchi, al primo piano di una palazzina tra le campagne di Baida o di Altarello”, alla periferia meridionale di Palermo: qui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lega Serie A, l’avvocato Alfano si dà al calcio

prev
Articolo Successivo

Maria Giovanna Maglie, buttava troppi soldi ma ora va verso il ritorno in Rai

next