Ruoli

5G, i conflitti d’interessi che delegittimano studi e comitati dell’Ue

Negli organi che decidono sulla pericolosità delle onde elettromagnetiche siedono esperti pagati dall’industria, a cui fa comodo la corsa per la rete di ultima generazione

Di Maria Maggiore*
16 Gennaio 2019

“La salute è materia nazionale”, spiega la Direzione generale della Salute della Commissione europea a Investigate-Europe. Eppure l’esecutivo Ue, che sul 5G sta investendo 700 milioni, chiede agli Stati di fare in modo che entro il 2025 gli uffici pubblici (inclusi scuole e ospedali) siano dotati di tecnologia 5G. Ma perché sulle onde elettromagnetiche, specialmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui