5G, i conflitti d’interessi che delegittimano studi e comitati dell’Ue

Negli organi che decidono sulla pericolosità delle onde elettromagnetiche siedono esperti pagati dall’industria, a cui fa comodo la corsa per la rete di ultima generazione
5G, i conflitti d’interessi che delegittimano studi e comitati dell’Ue

“La salute è materia nazionale”, spiega la Direzione generale della Salute della Commissione europea a Investigate-Europe. Eppure l’esecutivo Ue, che sul 5G sta investendo 700 milioni, chiede agli Stati di fare in modo che entro il 2025 gli uffici pubblici (inclusi scuole e ospedali) siano dotati di tecnologia 5G. Ma perché sulle onde elettromagnetiche, specialmente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.