Per noi, che siamo nati a Mantova e a cui talvolta capita ancora di viaggiare lungo l’argine del Po tra paesi della Bassa dove sono seminati amici e parenti, la notizia non è mica di poco conto. C’è un autovelox in più di cui tener conto, nel tragitto verso Guastalla. E non è un misuratore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La riforma urgente è quella elettorale

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next