La mia speranza per il 2019 è che il teatro torni in mano agli attori e agli artisti, perché il teatro è stato “depredato” dai burocrati. Bisogna riappropriarsi del teatro perché è qui che nasce ogni narrazione, è lo specchio dell’uomo che prende coscienza di se stesso e del suo posto nella Storia. Il teatro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Fra l’Aspromonte e Pinocchio, che anno di film”

prev
Articolo Successivo

“Una nazionale super e talenti come Zaniolo”

next