Ottanta anni, il curriculum criminale di un travet di Cosa Nostra, fin dal maxiprocesso di Falcone (condannato a 5 anni) e a una nuova condanna 11 anni nel 2001: per magistrati e investigatori è il gioielliere Settimo Mineo, negozio nei pressi della stazione centrale, indicato con una certa enfasi dalla politica come “l’erede di Totò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Prove (lente) di disgelo nel mare di Azov

prev
Articolo Successivo

Il Paese reale è quello che si spara su “Fortnite”

next