Qualcosa è cambiato, anzi, no. Tredici anni dopo è come 13 anni prima. Mario Draghi è a capo di una Banca, allora d’Italia (venne nominato il 29 dicembre), ora la Centrale europea; il governo, era il Berlusconi III, traballa; Natale, beh, per dirla con il Riccardo Garrone delle prime Vacanze vanziniane, ancora non “se lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Gramellini si scusa (a modo suo)

prev
Articolo Successivo

“Mi picchiavano perché meridionale. Canto la resistenza di chi è rifiutato”

next