È un segnale a una parte del mondo del credito, che lo chiedeva a gran voce. E si materializza con un emendamento alla manovra in commissione Finanze alla Camera che come primo firmatario ha uno sconosciuto deputato M5S, Raffaele Trano, commercialista di Formia alla prima legislatura. Dietro la mossa, però, c’è l’intero governo. Che ieri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Recalcati legge Recalcati (cioè la storia d’Italia)

prev
Articolo Successivo

Bollette del gas, scatta la prescrizione di Pirro

next