Qualche volta Montserrat Caballé si presentava impreparata. Nell’incisione del Turco in Italia di Rossini diretta da Riccardo Chailly canta in modo supremo la grande Aria, Squallida veste bruna; nel resto quasi legge a prima vista. Mi disse al riguardo il maestro Siciliani, “quando un direttore d’orchestra non ha la preparazione né l’autorità per imporre il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La lealtà presa a pesci in faccia

prev
Articolo Successivo

“Sul cornicione con la Ferri. I pugni chiusi con i Volonté. E che paura l’ago di Craxi”

next