Alberto Matano piace perché si piace e pure perché ci crede: “Ho fatto tutti gli scalini e mi sono sudato tutto da vent’anni a questa parte, quindi non è arrivato niente all’improvviso, ma per gradi”, ha detto un paio di mesi fa, già in perenne ascesa nel totonomine di Viale Mazzini – stavolta per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il giorno di Foa: processo in Vigilanza, poi presidente

prev
Articolo Successivo

Il capo delle Entrate: “Briatore mi porti clienti vip e si salva”

next