Carlin Petrini vuol parlare del mondo (nel suo piccolo, “Terra Madre – Il Salone del Gusto”, la creatura globale di Slow Food al via – da oggi e sino a domenica – a Torino), ma per farlo parte dall’Italia e da uno spicchio della sua storia più recente. “Già, gli anni tra il 1955 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Parte la festa di LeU: c’è vita a sinistra?

prev
Articolo Successivo

Diciotti. Salvini ha detto di non sapere: forse per non assumersi responsabilità?

next