Il cattivo a cui piace esserlo non frena, accelera: “I bambini scendano dalla nave Diciotti, ma gli altri si attaccano. O cambiate Paese o cambiate me”. Fa muro, il ministro dell’Interno Matteo Salvini, perché ha il pieno sostegno dell’alleato che non vuole definirsi tale, l’altro vicepremier Luigi Di Maio, il capo dei Cinque Stelle. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gli “ostaggi” a bordo, polizia e arancini sul molo

prev
Articolo Successivo

Amatrice, la burocrazia frena la ricostruzione: dopo tre commissari c’è ancora un deserto di pietre

next