Quando il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani è andato sui cantieri dell’alta velocità Torino Lione e ha indossato quel caschetto bianco si è messo alla testa di un partito vasto, eterogeneo e in cerca di un leader: il partito degli scontenti, o il partito degli affari, come lo chiama già qualcuno. Subito si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

“Donald, aiutaci sullo spread”. I gialloverdi puntano sugli Usa

next