Joseph Kabila ha deciso: non sarà lui a correre per le elezioni presidenziali del 23 dicembre. Il signore del Congo, autoproclamatosi presidente nel 2001 dopo l’assassinio del padre, Laurent-Désiré Kabila, poi eletto nel 2006 e nel 2011, cede alle pressioni internazionali e soprattutto a quelle della Chiesa cattolica congolese. Terminato il mandato quasi due anni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quei selfie sulla A-14 che brucia e l’ultimo “falò delle vanità”

prev
Articolo Successivo

Bachelet nuovo commissario per i diritti umani

next