Si sono animate di colpo giovedì mattina le strade assolate e semi deserte di Badme, il polveroso villaggio sulla linea di demarcazione fra Etiopia e Eritrea. Soldati dal volto segnato dal sole e da quella camminata poco marziale che contraddistingue tutti i militari d’Africa, sono saliti sui grandi camion verdi e dopo vent’anni anni hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

E nel Grande Sud ci asserragliamo a Riace per rifare anche la sinistra

prev
Articolo Successivo

“È un miracolo, ma non so quanto durerà davvero”

next