“Matteo Salvini non è Goebbels, ma Wile E. Coyote: lasciatelo correre”. (Max Stirner – dal “Blog delle stelle”) La storia si ripete. Quante volte, ai tempi gloriosi della Seconda Repubblica, noi giornalisti – oppositori del regime televisivo – ci siamo sentiti dire che parlando di Berlusconi, criticandolo o attaccandolo, rischiavamo di fare il suo gioco? E oggi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il pensiero di Rodotà salva la democrazia

prev
Articolo Successivo

Non è un salvataggio: la Grecia distrutta e ancora prigioniera

next