C’è un pezzo d’Italia che sembra la Colombia o il Messico. Una narco-regione, la Calabria. È qui che la ’ndrangheta, leader mondiale nel traffico di cocaina, coltiva e trasforma un terzo della marijuana e dell’hashish made in Italy. È merce, dicono gli esperti, di prima qualità, superiore alla “maria” prodotta sulle montagne attorno a Scutari, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Se ne va Vittorio Taviani. Addio al fratello col basco

prev
Articolo Successivo

Sos pasta, la nuova battaglia del grano si gioca sull’export

next