Ibambini giocano anche qui. Non piangono, non sono stanchi, non sono tristi. Giocano, e corrono sul ponte di una nave che li ha salvati dal buio, di notte, nel mare. Una scialuppa arancione, lì accanto, trasporta il cadavere di una ragazza avvolta in un telo bianco. Non ce l’ha fatta, quand’era quasi l’alba. Gli scafisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dal clic alle urne? Non proprio. Viaggio nella filiera dei dati

prev
Articolo Successivo

Villa Borghese si dà all’ippica Parco occupato per 4 anni

next