Per accedere a Spotify e diventare una goccia nel fiume dello streaming basta una mail. Simone Pisani, grafico e musicista in erba, l’ha inviata ad una dozzina di etichette: “Prima però ho caricato il brano su soundcloud.com, ad alcune è piaciuto e mi hanno spedito subito il contratto via mail”. Simone ha firmato per la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Russia, arriva il Putin IV. Per lo Zar nessun avversario, ma il consenso cala

prev
Articolo Successivo

Per tutti la parola d’ordine è: concretezza

next