Ci costa 766 milioni lo “spottone” pre-elettorale che fa pagare la ministra Pinotti in Liguria. E per evitare spiacevoli discussioni in Parlamento, lo manda alle commissioni Difesa a Camere chiuse, con i deputati e i senatori assenti e ovviamente distratti dalle loro rispettive campagne elettorali. Si tratta dell’atto del governo 510 per l’acquisto di 20 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ecco San Guido “assolto”: la chat per tornare in pista

prev
Articolo Successivo

“Mancino non ha mentito: è Martelli che ricorda male”

next