Che la villa utilizzata nel 2013 come dimora dei Savastano di Gomorra fosse di proprietà di un uomo con problemi con la giustizia, lo sapevano anche i vertici di Cattleya, società che produce la fiction. Lo testimoniano alcune email inviate dal location manager, Gennaro Aquino, nel 2013. Aquino, per aver pagato il pizzo al clan […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Strage di Bologna, la procura generale avvia una rogatoria in Svizzera: “Attentato finanziato da Licio Gelli”

prev
Articolo Successivo

Weinstein, non solo sexy-abusi. C’è pure il suicidio collaterale

next