La polizia della Cambogia è un affare di famiglia del primo ministro Hun Sen. Nel senso più letterale del termine. Giovedì 18 gennaio, il premier ha nominato il nuovo numero due della sicurezza. La scelta è caduta su Dy Vichea, un funzionario imparentato con lo stesso capo del governo: è il genero di Hun Sen […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Via Tecchio, dentro Ascarelli, a Napoli lezione di memoria

prev
Articolo Successivo

“È difficile essere donna sul set, i ruoli interessanti sono pochi”

next