Potrebbe essere il momento della svolta. O almeno questa è la speranza degli investigatori e della famiglia di Giulio Regeni, il ricercatore torturato e ucciso nel febbraio 2016 al Cairo, nell’inchiesta che non ha ancora trovato né mandanti né assassini. La svolta potrebbe arrivare dalla perquisizione che ieri, a Cambridge, i carabinieri del Ros e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vendetta di Trump, Breitbart licenzia Bannon

prev
Articolo Successivo

Al generale piacciono le elezioni alla russa

next