Messaoud Mekhalef ha 46 anni, è algerino ed è uno degli oltre duemila inquilini dell’Hotel House a Porto Recanati (Mc), l’ex residence di lusso per le vacanze estive trasformato in un grattacielo-ghetto. Messaoud soffre di siringomielia, una malattia neurologica e da quasi un anno non esce di casa. Dovrebbe essere sottoposto a un intervento di neurochirurgia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Firenze, bandiera del Reich nella caserma dei carabinieri. C’è anche una foto di Salvini

prev
Articolo Successivo

Nessun anatema su Twitter ferma la rabbia sociale

next