Era il 1963. Dopo la morte di Adriano Olivetti, avvenuta nel febbraio del 1960, l’omonimo gruppo industriale di Ivrea era alle prese con i contrasti insorti tra i vari rami della famiglia che possedevano il pacchetto azionario di maggioranza dell’azienda del Canavese. Nerio Nesi, futuro banchiere ed esponente di primo piano della sinistra lombardiana del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Italiani, badanti e contenti. Perché il futuro è anziano

prev
Articolo Successivo

L’ingegnere che coltivava l’utopia

next