Il poker ha la sua ritualità, è periodico e costante, liturgie ben definite, ruoli in teoria variabili, in pratica granitici, con una regola aurea offerta dal film Il giocatore: “Se alla quarta mano non hai capito chi è il pollo, vuol dire che il pollo sei tu”. Amen. L’errore è ridurre tutto al mero gioco, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Vita da Carlo”, Verdone si dà alle serie tv (in attesa del film)

prev
Articolo Successivo

Il titoboerismo, filosofia dell’età pensionabile (con deroghe)

next