In scena c’è una pistola, quella pistola sparerà: a parte questa logica deduzione dal sapore cechoviano (riportata sin dal cartello d’ingresso, dalle maschere e dall’annuncio pre-recita, che ricorda di spegnere i cellulari), Opera panica. Cabaret tragico è puro delirio organizzato, e organizzato benissimo. Scritta nel 2001 da Alejandro Jodorowsky, la pièce è in scena al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le “notti magiche” di Virzì, racconto di formazione con tinte noir

prev
Articolo Successivo

I signori Mercati in campagna elettorale (o già al voto?)

next