Mi chiamo Mata Hari. In malese vuol dire Occhio dell’aurora. La luce dell’alba, cioè la speranza. Sono morta cent’anni fa, proprio oggi, giustiziata in un fossato del castello di Vincennes, alle 6 e 15 di un mattino freddo e nebbioso, il 15 ottobre 1917. Non era l’alba che avevo sognato. Ma sono morta senza paura: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Edwige Fenech se la tirava e cacciava tutti dal set. Rascel? In crisi per Proietti”

prev
Articolo Successivo

Concerto “Napòlide” per orchestra mediterranea e voce di scrittore

next