“L’ho ritrovatonel bosco”. E tutto ha inizio. Nel libro di Thomas Cullinan, uscito per la prima volta nel 1966 e rinato dopo l’adattamento cinematografico di Sofia Coppola, e nel film “L’inganno” che ha ispirato. È il caporale John McBurney, faccia in giù nel fango, scappato dalle fila dell’esercito nordista (come non immaginarlo nei panni – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Giornalisti giallisti: la cronaca nera fa scrivere bene

prev
Articolo Successivo

Le emozioni di un bimbo in un tempo incompiuto

next