Certo che la governance di Telecom Italia dopo la brusca rottura con l’amministratore delegato Flavio Cattaneo, con 25 milioni di buonuscita, si è fatta parecchio complicata. Il nuovo direttore generale Amos Genish, che oggi è responsabile della convergenza tecnologica per Vivendi, sta ancora aspettando il permesso di lavoro. È israeliano e, anche se è un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cda “illegali”, Padoan salva banchieri e rampolli famosi

prev
Articolo Successivo

“No al Viminale: non si sale armati sulle nostre navi”

next