C’è del genio in Danimarca. Del genio cinematografico, anzi, parafilmico: le locandine, anticipo e antipasto immaginifico di quel che vedremo – se accettiamo l’invito – sul grande schermo. Manifesti, poster, fotobuste, soggettoni, foto di scena e affiches pubblicitarie fanno ormai stabilmente parte della storia del cinema: non solo promozione, ma documentazione, riflesso filmico e specchio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Vendicatrice dei matti, scovo quelli veri tra noi”

prev
Articolo Successivo

Alla “cena di Toni” arrivano tardi soltanto la malattia e il farmaco

next