“L’idea di candidarmi ha origine dai comitati civici di Palermo, ed ero attratto dal fare politica. Poi osservando quel mondo da dentro, ho pensato di coinvolgere Davide Parenti e farmi aiutare a realizzare un documentario per raccontarlo”. Solo le prime parole di Ismaele La Vardera, candidato sindaco a Palermo ma in realtà giornalista “infiltrato” alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Polizia, Gabrielli lancia il piano anti-suicidi

prev
Articolo Successivo

Gardaland e i vaccini, “scivolone” della Lorenzin

next