Lo stabile quasi disabitato è senza riscaldamento dal 2012, come metà degli stabili ad Atene. Ci abita Christos, 50enne sportivo, agile, pieno di vita, piccolo imprenditore specializzato nella messa in opera di pavimenti. Nel 2009 la sua impresa occupava ancora quattro persone. Il crollo è stato brutale: nel 2010, il crac. Prima ha venduto il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tragedia greca in 8 atti

prev
Articolo Successivo

Dimìtris, il suicidio politico: “I nostri morti ci parlano”

next