In questo Paese di coalizione, mentre i capi dei principali partiti olandesi si sono riuniti ieri in Parlamento per discutere come organizzare la formazione di un nuovo governo, tutti si domandavano: adesso che farà il populista dalla fluente chioma cotonata, Geert Wilders, sconfitto, che aveva fatto tremare l’Europa ed evocato i fantasmi della Brexit? Ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Mister 99%, l’uomo con Unicredit in tasca

prev
Articolo Successivo

“La vera sconfitta è stata la sinistra”

next