Ci sono regole non scritte, ma tramandate. Una è senza dubbio quella che se hai un’auto importante, ti conviene presentarla a Ginevra. Non solo perché è il salone più importante del vecchio continente. Non solo perché tutti i costruttori sono tutelati dalla “neutralità” del luogo e dalla spiccata propensione agli affari di un popolo votato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Amaro della Resistenza che salva i posti di lavoro

prev
Articolo Successivo

Benvenuti nel futuro: l’auto drone che sa volare

next