Il nome di Séverine, pseudonimo di Caroline Rémy (1855-1929), ha il triste privilegio di essere fra quelli meno citati quando si parla di grandi donne che hanno lasciato un segno nella storia delle idee. Fu la prima vera “reporter” nella storia del giornalismo; dalle pagine del Cri du peuple del suo maestro Jules Vallès denunciò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Sei mia quindi ti uccido. Storie di donne (nel 1896)

prev
Articolo Successivo

“Non è importante piacere a tutti”

next