Si fa presto a dire Matteo. Ci sono anche Rocco, Attilio, Marco, Giuseppe e Giovanni. Che non sono i componenti di un nuovo esecutivo, né i discepoli di qualche improvvisata setta. O forse sì, quella del crimine, che però tanto improvvisata non è. Sono i nomi dei sei super latitanti più pericolosi (e ricercati) d’Italia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La generazione voucher erosa dall’ansia cronica e dal senso di solitudine

prev
Articolo Successivo

Vietato pagare con la carta, ora si usa lo smartphone

next