Quando ancora non si parlava di effetto serra e catastrofi climatiche, Roland Barthes diceva che “niente è più ideologico del tempo che fa” e, ben prima dello scettico Trump o del protocollo di Kyoto, il meteo è stato sfruttato politicamente da parte di re e sovrani. Nella Breve storia della pioggia di Alain Corbin, si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La Peccatrice, la Credente e la Dubbiosa di Istanbul

prev
Articolo Successivo

Le avventure di Sgobba e Ditta nel debito pubblico

next